-->

Peloponneso: Epidauro e Micene

  Peloponneso   


HOTEL CONSIGLIATO: AMALIA NAFPLIO   

 

Epidauro e Micene

Epidauro e Micene, che distano pochi chilometri l’uno dall’altro, sono considerati insieme ad Olympia tra i più affascinanti siti archeologici del Peloponneso, grazie anche alla loro spettacolare posizione isolata sulle montagne e circondati da verdi vallate.

Epidauro è principalmente conosciuta per il suo splendido teatro, tra i meglio conservati dell’antica Grecia; il teatro risale al IV secolo a.C. ed è apprezzato in particolar modo per la sua acustica straordinaria. Le guide invitano i visitatori a lanciare una moneta nel proscenio, in modo che anche gli spettatori seduti sugli spalti più alti possano sentirne il suono. Nell’antichità Epidauro era famoso soprattutto come luogo di guarigione, con la gente che arrivava da molto lontano per godere delle miracolose cure del Santuario di Asclepio. Purtroppo non è rimasto molto degli antichi templi e del Santuario sono visibili solo le fondamenta ed i resti di una tholos. All’interno del sito archeologico si può visitare anche il piccolo museo, dove si possono ammirare alcuni bassorilievi che ornavano la tholos, ritenuta la più spettacolare di tutto il complesso.

Ingresso a Epidauro € 12 – orari estivi 8-19

Epidauro

Micene, dichiarata Patrimonio dell’Umanità, diede il nome all’importante civiltà micenea ed è definita la cittadella di Agamennone. La visita al sito si divide in due parti: la cittadella fortificata si trova in cima ad una collina ed era circondata da possenti mura ciclopiche alte fino a 13 metri. L’accesso alla città era consentito dalla Porta dei Leoni, la parte meglio conservata di Micene, un’imponente passaggio costituito da enormi blocchi di pietra sormontati da due leonesse. Del palazzo di Agamennone e della Sala del Trono non restano che alcuni grandi massi e si può solo fantasticare sulla ricchezza e bellezza dell’antica civiltà. Tuttavia, il paesaggio circostante è spettacolare e si resta sbalorditi a pensare come facessero, un tempo, a trasportare fino a qui questi enormi blocchi di pietra.

Micene

 

Ai piedi della cittadella si trova il moderno museo dove si può ammirare, tra ceramiche, monete e gioielli, anche la maschera funebre che si pensava appartenesse ad Agamennone.

La seconda parte della visita permette di ammirare la parte meglio conservata di Micene, il famoso Tesoro di Atreo; l’imponente tomba a cupola di Agamennone è costituita da un’immensa e altissima sala circolare interamente costruita con blocchi di pietra, che diventano sempre più piccoli fino alla sommità.

Sia presso la Cittadella che al Tesoro di Atreo si trovano parcheggio e biglietteria. Ingresso combinato con museo  € 12,00 – orari estivi 8.00-19.00

 

E' stata utile questa pagina?

Prenota il tuo hotel con BOOKING.COM da qui con le migliori tariffe garantite e vinci voucher da 100 euro per volare gratis: REGOLAMENTO

 

Epidauro Micene Epidauro Micene Epidauro

 


  Peloponneso   

 

Peloponneso guida turistica

IN QUESTE PAGINE: Isola Elafonisos - Nafplio -  Epidauro e Micene - MystraMonemvasia - Penisola del Mani - Pylos e Methoni- Spiaggia di Voidokilia - Olympia - Spiaggia del Relitto a Zante

 

3 commenti:

  1. Ciao questa estate saremo per dieci giorni nel Peloponneso, in luglio. Viaggeremo con due bimbi di sette e nove anni, arrivo ad Atene e poi l'idea è quella di girare costa ovest, Mani e elafonisos.. per non oberare troppo i pargoli penso, malgrado tutto, di selezionare le visite archeologiche.. so che la domanda è di quelle da 1 milione di dollari, ma secondo te, dovendo scegliere, è preferibile visitare Olimpia o Micene?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, tra le due Olimpia è meno faticosa e anche più interessante per i bambini, a cui puoi spiegare la storia delle olimpiadi e coinvolgerli un po'. Non perderti una cena al ristorante dell'hotel Europa Olympia, indimenticabile (da prenotare in anticipo). Ovviamente se utilizzi booking.com gli hotel prenotali da questo sito o dal mio link:
      https://www.booking.com/index.html?aid=355128

      Elimina
  2. ciao, io non trascurerei il teatro di Epidauro, uno dei siti più affascinanti di Grecia e che, ritengo, possa incantare anche dei bambini.

    RispondiElimina